Le 10 (più una) acconciature reali a cui ispirarsi

Vuoi cambiare look e sei alla ricerca di un hairstyle molto raffinato? Parteciperai ad una serata di gala, un matrimonio VIP, un festival del cinema e vorresti un’acconciatura che ti farà rubare la scena alle altre invitate? La soluzione è semplice: puoi ispirarti alle regine e alle principesse di ieri e oggi e sicuramente lascerai il segno! 
Ogni donna, infatti, può essere principessa nella vita quotidiana con l’educazione, la cultura, la classe e un comportamento garbato e mai fuori luogo.  Si è principesse prima di tutto nell’anima, il titolo nobiliare conta fino a un certo punto. Ciò che è imprescindibile, invece, è lo stile con cui una donna affronta la vita e gli imprevisti anche drammatici che possono accadere. Se non perdete il vostro aplomb neanche di fronte a lutti devastanti, patrimoni in frantumi, divorzi, tradimenti, malattie e abbandoni, allora siete principesse ad honorem e meritate di acconciarvi comme il faut.

Ecco le acconciature di dieci (più una) donne straordinarie, regine e principesse che hanno incantato il mondo con la loro grazia. A voi la scelta del look.

1. Jackie Kennedy
Se lo stile, la grazia, la classe, la bellezza, la cultura, il fascino e l’eleganza avessero un nome, sarebbe senza alcun dubbio quello di Jacqueline Lee Bouvier Kennedy Onassis, detta Jackie. Qui siamo al cospetto di una Dea, una meravigliosa creatura con la classe nel DNA, una donna dallo stile senza tempo, attualissimo ancora oggi. Jackie Kennedy è più di un’icona di stile, è la personificazione dello stile. 

jackie-2

Il suo gusto europeo e francese in fatto di moda si fanno notare fin dal giorno del suo matrimonio nel 1953 con il giovane deputato John Fitzgerald Kennedy, rendendola da subito una bellezza raffinata e particolare a cui ispirarsi. In un paese come l’America, dove l’ideale di bellezza femminile del tempo era incarnato da donne bionde e formose come Marilyn Monroe (sua futura rivale in amore), non passa inosservata la figura alta e slanciata di Jackie, la bruna dai capelli corti. L’America che non ha una famiglia reale ha però bisogno di una regina e la trova in Jackie, la first lady più glamour della storia, una donna dallo stile inarrivabile.

jackie-1

Purtroppo, a volte, anche le favole apparentemente più belle possono trasformarsi in tragedia. Il 22 novembre 1963 Jackie è insieme al marito a Dallas quando la sua vita cambia per sempre nel modo più drammatico. Gli anni che seguono sono pieni di incertezza fino al secondo matrimonio con l’armatore greco Aristotele Onassis, l’uomo più ricco del mondo che muore sette anni dopo lasciandole una fortuna. Jackie continuerà ad occuparsi dell’educazione dei suoi due figli, con un coraggio e una dignità fuori dal comune e fino alla fine sarà una delle donne più ammirate del pianeta. La sua vita non è stata facile e lei ha dovuto

jackie-3

affrontare momenti drammatici e scelte importanti ma sempre con il suo sorriso e la sua classe incomparabile. Santa Jackie, ora pro nobis.

2. Grace Kelly – Carolina di Monaco – Charlotte Casiraghi
Una bionda, una bruna e una castana. Madre, figlia e nipote. Le donne della famiglia Grimaldi hanno nel loro DNA bellezza, nobiltà, glamour e classe che si tramandano di generazione in generazione. Una combinazione esplosiva che le ha fatte diventare modelli di stile per le donne di tutto il mondo.

Grace Kelly, attrice statunitense premio Oscar e icona degli anni Cinquanta sposa nel 1956 il principe Ranieri di Monaco: èl’inizio di una vera e propria favola moderna.

grace-1

Seguono anni felici con la nascita di tre figli: Carolina, Alberto (l’attuale principe regnante di Monaco) e Stefania fino a un tragico giorno di fine estate del 1982. La principessa Grace muore in un terribile incidente stradale e la figlia Stefania che era in auto con lei si salva per miracolo.

grace-2

La principessa Carolina diventa la first lady del principato, continuando il lavoro di rappresentanza e beneficenza della madre e incantando tutto il mondo con la sua bellezza e la sua classe. Carolina sposa in seconde nozze l’imprenditore italiano Stefano Casiraghi che la rende madre di Andrea, Charlotte e Pierre. Purtroppo anche questa favola si spezza quando Casiraghi muore in un drammatico incidente nautico ma Carolina (dopo un lungo periodo di lutto) riprende i suoi impegni istituzionali confermandosi anche una delle donne più eleganti del pianeta. Arriva il terzo matrimonio con il principe tedesco Ernst di Hannover da cui nasce Alexandra, la sua quarta figlia. Intanto Charlotte cresce sotto la guida della madre a cui somiglia come una goccia d’acqua. La bella ereditiera è una cavallerizza professionista e partecipa a numerose competizioni internazionali lasciando il segno per fascino e bravura. Charlotte è una giovane donna molto riservata, una studentessa modello che non fa mai parlare di sé fino al giorno in cui ha un figlio fuori dal matrimonio dall’attore francese Gad Elmaleh, apprezzato comico d’oltralpe ma senza quarti di nobiltà. La rampolla di casa Grimaldi non si scompone e sembra che la nuova famiglia abbia solide basi fino al giorno i cui Charlotte e Gad si lasciano. Segue una love story con l’aristocratico regista italiano Lamberto Sanfelice finita giusto qualche giorno fa. Sembra che Charlotte sia già tornata a Parigi da Roma dove viveva con il fidanzato e che abbia tagliato i capelli à la garçonne…queste principesse, non si riesce mai a stare dietro ai loro continui cambi di look! Comunque sia, auguriamo a Charlotte di incontrare presto un gentiluomo con cui mettere su famiglia, avere una lunga vita felice e senza drammi e anche una figlia. Un’altra principessa che farà sognare il mondo.

 

3. Kate Middleton
Sua Altezza Reale la Duchessa Catherine di Cambridge, ovvero la donna oggi più fotografata al mondo. Nata in una famiglia di commoners (cioè di cittadini comuni, non aristocratici), Kate è la conferma della nostra tesi per cui si è principesse prima di tutto nell’anima. I genitori di Kate, ex assistenti di volo della British Airways, fondano una società di articoli per feste e in breve tempo diventano milionari. Questa nobiltà di censo permette ai tre figli della coppia di frequentare le scuole e gli ambienti più esclusivi della Londra-bene. La signora Carole Middleton nutre grandi speranze per il futuro delle figlie Kate e Pippa, esortandole a distinguersi negli studi e a diventare popolari a scuola. In particolare, Kate si fa notare fin dai tempi del liceo per la sua bellezza raffinata, la sua classe e la bravura di studentessa.

kate-1

La madre, sapendo che il principe William d’Inghilterra si è iscritto all’università scozzese di St. Andrews, iscrive la figlia maggiore allo stesso ateneo. La sua speranza, neanche tanto nascosta, è che il principe noti Kate, si innamori di lei e che la chieda in moglie, ciò che accade puntualmente! Ad avercene di madri come Carole Middleton, dovrebbe fare la consulente matrimoniale: come sposare un principe o un milionario…è infatti notizia recente che Pippa sposerà nel 2017 un multimilionario britannico.

kate-2

Per Kate il resto è storia. Moglie innamorata, madre felice del principe George e della principessa Charlotte, i royal babies, la Duchessa riceve come pegno d’amore dall’innamoratissimo William l’anello che il principe Carlo donò alla futura moglie Lady Diana. Due icone di stile che si uniscono idealmente, con l’augurio sincero che il matrimonio di William e Kate duri per sempre. Una volta tanto il lieto fine deve esserci anche nella vita reale, non solo sui libri di fiabe…

 

4.Regina Rania di Giordania

rania-1

Sua Maestà la regina Rania al-Abd Allah è considerata una delle donne più belle ed eleganti del mondo. Nata in Kuwait da genitori palestinesi, si laurea in Gestione d’Impresa all’Università Americana del Cairo. Dopo la laurea inizia a lavorare presso una banca d’affari e poi si trasferisce in Giordania come impiegata presso una multinazionale. Il trasferimento ad Amman le cambia la vita perché nel gennaio 1993 Rania conosce ad una cena il principe giordano Abd Allah bin al-Husain ed è colpo di fulmine. La coppia si sposa cinque mesi dopo il primo incontro e dalla loro unione nascono quattro figli, due maschi e due femmine.

rania-2

Nel febbraio 1999, dopo la morte di re Hussein, il marito diventa re con il nome di Abd Allah II e Rania diventa regina consorte a soli 29 anni. La giovane età, tuttavia, non deve trarre in inganno perché la nuova regina è una donna colta e preparata e il suo obiettivo principale è quello di occuparsi delle categorie sociali più svantaggiate.

rania-3

È noto, infatti, il suo impegno per il miglioramento della condizione femminile – attraverso l’istruzione e il lavoro –  in Giordania e nel resto dei paesi arabi, per i bambini poveri, diversamente abili e gli orfani. Rania lavora senza sosta per perseguire i suoi obiettivi, incontra capi di stato e di governo di tutto il mondo, partecipa a forum e riunioni dell’ONU e di altre organizzazioni internazionali.

rania-4

Da sempre in prima linea contro l’estremismo islamico, la regina si schiera apertamente contro l’Isis. La sua ultima campagna a sostegno dei migranti e dei profughi siriani è la conferma che siamo di fronte ad una donna di straordinaria bellezza, prima di tutto interiore. Ciò che vediamo all’esterno è il riflesso del suo grande cuore. Meravigliosa.

 

5. Regina Letizia di Spagna

Sua Maestà Doña Letizia Ortiz, ovvero la giornalista diventata regina. Letizia Ortiz Rocasolano è una anchorwoman e inviata speciale della TV spagnola con una carriera avviata e molto promettente quando nel 2002 ad una cena incontra il principe ereditario spagnolo Felipe di Borbone e tra i due scatta il classico colpo di fulmine. (Considerata l’alta possibilità di incontrare il principe azzurro alle cene e agli eventi sociali in generale, vedi Letizia di Spagna e Rania di Giordania, consigliamo alle nostre lettrici single di partecipare agli appuntamenti più “in” della loro città. N.d.R.).

letizia-1

La coppia si sposa nel maggio 2004 e nascono due figlie, l’erede al trono Leonor e l’Infanta Sofia. La favola della bella principessa, però, sembra avere una falsa partenza. L’etichetta della corte spagnola è una delle più rigide del mondo e Letizia ha qualche difficoltà ad adeguarsi alla severità del protocollo, anche se onora diligentemente tutti i suoi impegni ufficiali.

A ciò si aggiunge la drammatica scomparsa della sorella Erika nel 2007 quando Letizia aspetta la sua seconda figlia.

letizia-2

La classe di una principessa, però, si vede proprio nei momenti difficili e Letizia continua la sua attività di rappresentanza a livello internazionale. La stampa specializzata non è stata tenera con la principessa, mettendo in giro voci di una sua presunta anoressia, di fare ricorso a medicina e chirurgia estetica e definendola plebeya, cioè plebea. Letizia non sarà nata in una famiglia aristocratica ma ha dimostrato di avere le carte in regola per essere una bravissima regina. Il 19 giugno 2014 dopo l’abdicazione di re Juan Carlos, il re Felipe VI è incoronato nuovo sovrano di Spagna e Letizia diventa regina consorte. Da quel giorno la regina Letizia sembra più serena, totalmente indifferente a qualsiasi critica, ha anche cambiato look tagliando i capelli e indossa abiti femminili e sensuali. È iniziata una nuova vita per la regina, che speriamo possa essere sempre piena di gioia per lei e per la sua famiglia. Lieto fine, finalmente!

 

6. Regina Máxima d’Olanda
La sovrana dei Paesi Bassi, nata in Argentina con il nome di Máxima Zorreguieta Cerruti, ha origini aristocratiche. Il padre discendeva da re Alfonso III del Portogallo e da diverse famiglie nobili della penisola iberica, i bisnonni paterni erano italiani e la bisnonna apparteneva alla famiglia dei conti Borella di origine piemontese e lombarda.

maxima-1

Laureata in Economia all’Università Cattolica di Buenos Aires, la giovane Máxima lavora per diverse società finanziarie internazionali in Argentina, a New York e in Europa, dove avverrà la svolta della sua vita. Nell’aprile 1999, in occasione dell’annuale e prestigiosa Fiera di Siviglia in Spagna, Máxima conosce Alexander, un affascinante giovane olandese. In realtà quel biondo gentiluomo nordeuropeo era il principe ereditario dei Paesi Bassi Willem Alexander d’Orange-Nassau, che le aveva tenuta segreta la sua vera identità. (Care lettrici single, state prendendo appunti sui possibili eventi a cui partecipare per tentare di incontrare il vostro principe azzurro? N.d.R.).

foto-maxima-2

Máxima, argentina residente a New York, pensava si trattasse di uno scherzo e invece era tutto vero! Il 2 febbraio 2002 la coppia si sposa ad Amsterdam e dal matrimonio nascono tre figlie. L’unione del principe ereditario con la giovane funzionaria argentina suscita però forti polemiche perché il padre della futura regina, Jorge Zorreguieta, fu uno dei ministri del governo delpresidente Videla nel periodo più drammatico della storia del paese sudamericano.

foto-maxima-3

Jorge Zorreguieta (risultato però totalmente estraneo ai fatti tragici della dittatura di Videla) decide di non partecipare alle nozze della figlia per evitare qualsiasi ulteriore polemica e dal giorno del suo matrimonio, Máxima diventa molto popolare e amata dagli olandesi. L’unione della coppia si rafforza di anno in anno e il 30 aprile 2013, Willem Alexander è incoronato nuovo re dei Paesi Bassi dopo l’abdicazione della regina Beatrice. Máxima diventa la prima regina consorte di origine argentina nella storia olandese. È una regina alta, bionda, estroversa e molto glamour, amante dei gioielli e degli abiti d’alta moda, ciò che serve per essere al top della forma durante gli impegni istituzionali. Dopo Maradona e prima di Papa Francesco, Máxima è la dimostrazione che gli argentini sanno distinguersi in tutti i campi. Complimenti.

 

7. Principessa Mary di Danimarca
mary-1

La principessa ereditaria di Danimarca nasce in Tasmania da genitori di origine scozzese con il nome di Mary Donaldson. Dopo la laurea in marketing lavora per varie società pubblicitarie fino a quando si trasferisce a Sydney. Il 16 settembre 2000 avviene l’incontro che cambia la vita della giovane Mary. In un pub del centro la futura principessaconosce un bel ragazzo danese che si trova in Australia per seguire le Olimpiadi: si tratta del principe ereditario Frederik di Danimarca (care lettrici, ogni tanto sarebbe il caso di andare a farvi una birra al pub, non si sa mai! N.d.R.) con il quale inizia una relazione a distanza.

mary-2

La coppia si sposa il 14 maggio 2004 e il loro matrimonio è allietato dalla nascita di quattro figli, due maschi e due femmine. La principessa Mary èmolto amata dal popolo danese e ammirata a livello internazionale per la sua bellezza ed eleganza.

mary-3

Più volte paragonata a Kate Middleton (alla quale somiglia nella figura e nell’acconciatura), Mary è molto impegnata nel campo della beneficenza. Ha dato il suo appoggio a campagne contro il bullismo, per la prevenzione del cancro, a favore della diversità culturale e a sostegno degli immigrati. Quando diventerà regina consorte, Mary sarà la prima australiana nella storia dell’aristocrazia mondiale a ricoprire tale ruolo. Un bel record, no?

8. Principessa Mette-Marit di Norvegia

mettemarit-1

La ex bad girl del gruppo. La principessa ereditaria nasce con il nome di Mette – Marit Tjessem Hoiby da una famiglia della media borghesia norvegese, il padre è un giornalista. La sua adolescenza e prima giovinezza sono sotto il segno della ribellione a tutte le regole. A 24 anni Mette-Marit ha un figlio, Marius, dal compagno dell’epoca, uno spacciatore di droga poi finito in carcere. La giovane si rende conto dell’ambiente malsano in cui vive e per proteggere ilsuo bambino va ad abitare da sola lavorando cameriera part-time in un caffè di Oslo.

mettemarit-2

Un giorno Mette-Marit va ad assistere ad un festival musicale in compagnia di alcuni amici non sapendo che confuso tra il pubblico c’è anche il principe ereditario Haakon di Norvegia, che rimane folgorato da lei. La loro relazione suscita fortissime polemiche fin dall’inizio perché l’opinione pubblica si aspetterebbe una fidanzata più virtuosa per il futuro re. A dispetto di tutte le critiche, Mette-Marit rilascia un’intervista prima del matrimonio, in cui confessa tra le lacrime di avere avuto una giovinezza selvaggia e di avere fatto uso di droga, dipendenza ormai superata. La coppia si sposa il 25 agosto 2001 e il principe Haakon adotta il piccolo Marius che però non è inserito nella linea di successione al trono né ha alcun titolo nobiliare. L’erede designata è la prima figlia di Haakon e Mette-Marit, la principessa Ingrid Alexandra. La coppia ha anche un altro figlio, il principe Sverre Magnus. La figura della principessa Mette-Marit, però, continua ad essere controversa.

mettemarit-3

Da un lato, ben il 58% dei norvegesi ammira questa donna che ha avuto l’intelligenza di sfruttare l’immensa fortuna che le è capitata e di chiudere i conti con un passato turbolento. Dall’altro lato, la stampa non le perdona il suo passato e la accusa di essere più interessata a fare shopping e vacanze di lusso invece di dedicarsi ai suoi impegni. In realtà, Mette-Marit ha un master in giornalismo e uno in business management, è una madre attenta e premurosa e una moglie innamorata. Sostiene le campagne contro l’AIDS e a favore degli immigrati. Ha trasformato la sua residenza ufficiale in una fattoria ecologica dedita all’allevamento di animali e alla produzione di latte, è una testimonial degli stilisti norvegesi (anche se ha una passione per la moda italiana) e i sudditi la amano proprio perché lei si è fatta da sé, è una di loro. Una vera Cenerentola.

9. Amal Alamuddin Clooney

amal-1

L’affascinante consorte della star di Hollywood George Clooney è a modo suo una principessa, del foro per la precisione. Amal Clooney è infatti uno degli avvocati più importanti del Regno Unito, specializzata in diritto internazionale. Nata a Beirut da una famiglia benestante, nel 1980 si trasferisce vicino Londra con i genitori e i fratelli per sfuggire alla guerra scoppiata in Libano. Laureata in Giurisprudenza a Oxford, si è specializzata alla New York University, distinguendosi in entrambi i casi come la studentessa più brillante. Abilitata alla professione forense sia nel Regno Unito che in America, Amal nel corso degli anni ha assistito personaggi come Julien Assange, Yulia Timoshenko e Abdullah Senussi, alto funzionario del governo libico di Gheddafi. Il suo ultimo impegno è stata la denuncia alle Nazioni Unite della pratica delle schiave sessuali dell’Isis.

amal-2

Autrice di numerosi saggi di giurisprudenza, è stata anche docente di diritto penale alla University of London e ha tenuto una serie di conferenze per i diritti umani alla Columbia University. Amal è stata anche assistente di Kofi Annan sulla questione siriana e consigliere all’ONU nella commissione sull’assassinio del primo ministro libanese Rafiq Hariri, il tutto a soli 38 anni!

Nel settembre 2013, Amal conosce George Clooney ad una cena di beneficenza. L’attore ha un vero e proprio colpo di fulmine per la splendida avvocatessa che sembra non ricambiare l’interesse e rifiuta di prendere il suo numero di telefono (ci vuole un’autostima a prova di bomba per snobbare George Clooney che ti fa il filo! N.d.R.).

amal-3

Che si sia trattato di una tattica di seduzione estremamente raffinata da parte di lei poco importa perché da quel momento il divo di Hollywood non si dà pace, la sua missione è conquistare Amal, riuscendoci dopo che lei gli dà parecchio filo da torcere. Dopo un corteggiamento serrato, Amal accetta la proposta di matrimonio di George. La coppia si sposa a Venezia il 29 settembre 2014, appena un anno dopo il loro primo incontro. Il resto è storia. Amal e George sono una vera e propria coppia reale. E vissero per sempre felici, contenti e (molto) paparazzati.

 

10. Sheikha Mozah bint Nasser al-Missned del Qatar
Il suo nome difficilmente pronunciabile potrà suonare nuovo ma la sua immagine è inconfondibile. La sceicca è stata inserita dalla rivista Forbes al settantanovesimo posto nella classifica delle donne più potenti del mondo. Sicuramente è la donna più potente e ammirata dei paesi arabi, non solo per la sua bellezza. Sua Altezza è infatti laureata in Sociologia, è una donna estremamente colta e ha fatto della cultura uno degli elementi chiave per la modernizzazione del suo paese. A 18 anni, mentre studia all’università, sposa il futuro emiro del Qatar Hamad bin Khalifa al-Thani. La coppia ha sette figli, cinque maschi e due femmine. L’attuale emiro Tamim binHamad al-Thani è il loro secondogenito.

mozah-1

Tuttavia, se ciò potrebbe sembrare strano perché Mozah è la seconda delle tre mogli del principe (che ha altri figli maschi dalla prima moglie) è spiegabile con il fatto che lei è la sposa prediletta del marito. Dopo la laurea, la giovane e bellissima sceicca si ritaglia un posto di assoluto primo piano nello scenario dei paesi arabi e internazionale. Quando il marito diventa emiro nel 1995, il Qatar inizia a espandere il suo raggio d’influenza nel mondo acquisendo quote o intere società occidentali. Per esempio, i grandi magazzini Harrod’s di Londra, la maison d’alta moda Valentino, la squadra di calcio Paris St. Germain, la Porsche e l’intero complesso di Porta Nuova a Milano sono di proprietà dello Stato del Qatar. La cultura, comunque, resta al primo posto nelle priorità della sceicca che fa realizzare il Qatar Museum a Doha (diretto dalla figlia) e anche un’orchestra sinfonica con i migliori musicisti del mondo. Ha inoltre creato a Doha un campus che ospita le sedi distaccate delle più prestigiose università americane e si sta impegnando per fornire un’istruzione adeguata ai piccoli rifugiati siriani. In un’intervista la sceicca ha espresso il suo apprezzamento per le sue figlie che ricoprono incarichi pubblici, queste le sue parole: Sono orgogliosa. Stanno facendo la differenza e il loro successo mostra alle giovani donne dove si può arrivare. La storia di questa regione è piena di donne potenti e dinamiche. La mia speranza come madre è che le mie figlie continuino a guidare e ispirare le donne nello stesso modo”. Come non ammirare e stimare una donna così? Bellissima, colta e con un’anima caritatevole. Straordinaria.

11. Regina Elisabetta II

elisabetta-1

Abbiamo aperto con una regina di stile, chiudiamo con “la” regina per antonomasia. Sua Maestà britannica Elisabetta II regna dal 2 giugno 1953 (giorno della sua incoronazione) e quest’anno ha superato il record di permanenza sul trono detenuto dalla sua storica antenata, la regina Vittoria. Il 2016 ha segnato un altro traguardo importante per la regina perché ha compiuto 90 anni. Sebbene abbia delegato le visite di Stato all’estero al figlio Carlo, erede al trono e principe del Galles, ai nipoti William e Kate duchi diCambridge e al nipote, principe Harry, Sua Maestà è intenzionata a regnare ancora per diverso tempo. Quanto?

elisabetta-2

Nessuno lo sa ma se pensiamo che la regina madre è morta a 101 anni, allora prepariamoci a un altro decennio in compagnia di Elisabetta II. Del resto, in tutti questi anni abbiamo imparato a conoscerla e stimarla e ci siamo anche un po’ affezionati a lei. Il suo motto è never complain, never explain cioè mai lamentarsi, mai spiegare. Questa filosofia di vita è stata determinante per il lungo regno di Elisabetta II perché in quasi 64 anni ne ha viste e sentite davvero di tutti i colori.

elisabetta-3

Se oggi Sua Maestà è universalmente apprezzata lo deve proprio al suo essere super partes, garantendo così la libertà di opinione ed espressione che fa del Regno Unito un faro di democrazia. Non sono mancati i momenti difficili all’interno della sua famiglia, dalla vicenda personale tormentata della sorella, la principessa Margaret, costretta a lasciare il suo compagno perché divorziato fino alle continue traversie matrimoniali dei figli, tre dei quali divorziati a loro volta. In mezzo c’è stato anche l’affaire Lady Diana, la principessa del Galles ex moglie del principe Carlo morta tragicamente in un incidente stradale nel 1997 a soli 36 anni. In quel momento la popolarità della famiglia reale era in caduta libera ma Elisabetta II dimostrò un piglio da vera regina facendo uno storico discorso alla nazione in diretta da Buckingham Palace con alle spalle una finestra aperta dove si vedeva il popolo ai cancelli del palazzo. Non era mai successo prima. Pian piano la regina ha riconquistato la fiducia, l’affetto e la stima degli inglesi che la considerano un po’ la loro matriarca. Pare che il proverbiale aplomb di Sua Maestà abbia però scricchiolato all’indomani della Brexit, quando al momento di ricevere il premier Cameron, si vocifera che la regina avesse un’espressione facciale inequivocabilmente adirata (voci di corridoio rimaste anonime). Una settimana dopo l’esito del referendum, la regina ha fatto una visita di Stato in Irlanda del Nord in compagnia del marito Filippo di Edimburgo. Alla domanda del premier nord-irlandese su come stesse, Elisabetta II ha risposto con un sottile ma efficacissimo sense of humour britannico: “I’m still alive”.

Sono ancora viva. Che dire? God save the Queen! 

Commenti

Commenti

Lascia un commento